dolce Puglia
Monica Coluccia

Vino e Aeronautica Militare è la nuova accoppiata da aggiungere alla lista Vino &... che conta ormai le più diverse interazioni, originali e opinabili che siano, tra il vino e il mondo conosciuto.

La versione 8.0 di Dolce Puglia - al secolo VIII Rassegna dei vini dolci pugliesi e della pasticceria, cioccolateria e caseari regionali - è stata presentata il 30 novembre 2013 presso la base del 36° Stormo dell’Aeronautica Militare di Gioia del Colle.

Scenario indubbiamente suggestivo ed esclusivo, l’imponente hangar della base militare ha racchiuso contemporaneamente in gli Eurofighter 2000 (“caccia di ultima generazione, il più avanzato aereo da combattimento sviluppato in Europa”, recita il sito della Difesa) e ben oltre cento aziende dell’agroalimentare selezionate dagli infaticabili organizzatori della Delegazione Murgia dell’Associazione Italiana Sommelier.

Il banco d’assaggio Dolce Puglia, presentato ai partecipanti arrivati da tutta la Puglia, ma anche da fuori regione, è quanto di più esaustivo esista al momento sui vini dolci regionali, raccogliendo oltre 72 aziende del territorio, storiche e nuove leve, convenzionali e natural style.

Una ghiotta occasione per fare il punto sullo stato dell’arte della tipologia, rilevando in chiusura d’assaggio un generale incremento qualitativo di tutta la produzione in oggetto, una crescita al momento incentivata da un diffuso e rinnovato interesse per l’intera vitivinicoltura pugliese, soprattutto da parte del mercato internazionale.

Indubbiamente la tipologia di vino dolce pugliese che più affascina resta quella a base moscato bianco, più conosciuto tra Foggia e Bari come moscato reale, imperando nella Doc Moscato di Trani, e diffuso comunque in tutto il territorio regionale. L’aromaticità del vitigno facilita il ruolo del viticoltore che coglie la sfida in maniera anche sin troppo scanzonata: nonostante gli ottimi e costanti risultati manca, infatti, il guizzo, la tenacia di qualcuno, mentre auspichiamo che in molti decidano di fare “IL” Moscato di Trani, tracciando una via di ricerca più rispettosa delle evidenti potenzialità del territorio, senza relegare questa chicca a puro fenomeno commerciale, ammesso che lo sia mai stato.

La comparazione dei passiti da aleatico fa emergere una piacevolezza mediamente diffusa che intriga e diverte. Forse è proprio grazie a questo vitigno che il bere dolce potrebbe diventare di gran moda: l’aromaticità, la giovialità, la schiettezza e il frequente ritorno al mondo adolescenziale con continui e fragranti rimandi a fiori freschi e caramelle alla frutta costituiscono parametri in cui può diventare facile e dolce rifugiarsi.

La parte del leone, numericamente e qualitativamente, la fa il primitivo, in particolare il Primitivo di Manduria Dolce Naturale. Anche filosoficamente: qui qualcuno ha già preso in mano le redini del gioco, riscrivendone le regole.

Le declinazioni dolci del moscato

La massima espressione del Moscato in Puglia si raggiunge ad oggi nella denominazione Moscato di Trani, istituita nel 1975. L’area di produzione si concentra nei comuni delle province di Bari e Foggia che ricadono nel bacino vitivinicolo della cosiddetta Murgia Centrale, più di recente allargata ai comuni del Parco Nazionale dell’Alta Murgia. In tale bacino fonti storiche – non solo monastiche e inaccessibili, ma anche visibili come quelle riscontrabili nel Museo Archeologico Nazionale Jatta a Ruvo di Puglia – attestano la tradizione vitivinicola locale. Fa da volano al nome della denominazione la cittadina famosa per la cattedrale romanica patrimonio dell’Unesco.

81

Puglia Moscato Passito Igt - Cantate Domino Vino da Messa 2010
Albea Vini - Alberobello (BA)
Moscato 100% - 15,5% vol. - € 20 (0,500 l)
Dorato chiaro; profilo olfattivo semplice, aromatico e delicato con radi profumi, agrumati soprattutto. Dolce quanto basta al gusto, agile e di buona progressione. Appassimento per un mese in pianta.


85

Puglia Igt - Lama Viola Vino Passito 2009
Cantine del Colle - Santeramo in Colle (BA)
Moscato 100% - 14,5% vol. - € 11 (0,500 l)
Ambra chiaro di media consistenza; intensità e piacevolezza al naso: miele di acacia, fichi secchi, mandarino caramellato, oli essenziali.
Soddisfazione e dolcezza anche al gusto, di buona cifra acida. Appassimento in pianta.


86

Salento Moscato Passito Igt - 2012
Cantine Lizzano - Lizzano (TA)
Moscato 100% - 13,5% vol. - € 10 (0,500 l)
Oro verde; naso con spunti di frutta acerba, erbe aromatiche e agrumi. Dolcezza e corpo leggiadri a determinare un gusto scattante e non stucchevole con finale lungo e coerente. Breve appassimento in pianta e su graticci.

80

Puglia Moscato Passito Igt - La Trinità s.a.
Casaltrinità - Trinitapoli (FG)
Moscato reale 100% - 14,5% vol. - € 6 (0,500 l)
Da uve appassite in pianta, nei terreni tufacei dell’agro di Trinitapoli. Oro chiaro, ha naso originale per note di sterpi, fieno, banana acerba, con incidenze gustative spiccatamente amaro-salmastre e appena boisé. Un anno in barrique.


80

Moscato di Trani Dolce Doc - Rosalia 2010
Giancarlo Ceci - Andria (BT)
Moscato bianco 100% - 13,5% vol. - € 14 (0,375 l)
Oro-verde molto luminoso. Naso aromatico e in compressione con percezioni nitide di muschio, erbe aromatiche, aloe, legno di rosa. Bocca elegante, succosa, fresca, equilibrata nella dolcezza e ancora lungamente aromatica.


85

Moscato di Trani Passito Doc - Liberty Estasi 2008
Franco Di Filippo - San Severo (FG)
Moscato reale 100% - 14% vol. - € 18 (0,500 l)
Oro concentrato e consistente. Profilo olfattivo aromatico, intenso e fruttato. Assaggio dolce, in cui i sapori di confettura di mele e caramello prendono il sopravvento; originale contraltare sapido; non lunghissimo.

84

Puglia Moscato Dolce Igt - Pierale 2011
Leone De Castris - Salice Salentino (LE)
Moscato bianco 100% - 10,5% vol. - € 10,50 (0,500 l)
Paglierino chiarissimo con naso leggiadro, semplice, rarefatto nei profumi fl oreali e aromatici. Essenzialità che si riscontra anche al gusto, leggero, dolce e di piacevole bevibilità. Breve appassimento.


86

Moscato di Trani Dolce Doc - Piani di Tufara 2012
Rivera - Andria (BT)
Moscato reale 100% - 14% vol. - € 9 (0,500 l)
Giallo oro-verde. Naso aromatico e leggiadro: rosa, muschio, confetti alla mandorla, gelatina di frutta. Assaggio di buona eleganza e grinta, di media struttura, quasi sapido. Breve sosta in barrique.


82

Puglia Moscato Passito Igt - In Nomine Patris 2008
Selezioni Aquario - Trani (BT)
Moscato reale 100% - 14% vol. - € 18 (0,375 l)
Ambra chiaro. Olfatto di discreta intensità che gioca la partita su un insolito binomio di alghe e succo di pera; poi cenni di tabacco. Bocca calda e cremosa in cui la carica di frutta matura prende il sopravvento. Un anno in tonneau di rovere francese.

87

Moscato di Trani Dolce Naturale Doc - Kaloro 2009
Tormaresca - Minervino Murge (BA)
Moscato reale 100% - 11,5% vol. - € 11,50 (0,375 l)
Ambra con intarsi verdi. Immediatamente avvolgente e intenso con rilasci di frutta candita, confetto, albicocca, un tocco di affumicato. Ottime struttura e pienezza, dal gusto convincente per persistenza e sapore. Appassimento al sole per due settimane.


86

Puglia Moscato Passito Igt - 2006
Torre Quarto - Cerignola (FG)
Moscato 100% - 14% vol. - € 15 (0,500 l)
Incredibile vivacità del colore, oro con intarsi verdi, nonostante il millesimo, e dell’olfatto: aromatico, vitale, agrumato con nitidi richiami alla frutta secca. Bocca dolce ma non stucchevole, con salvifica acidità. Ancora in forma.


87

Moscato di Trani Dolce Naturale Doc - Dulcis in Fundo 2009
Torrevento - Corato (BA)
Moscato reale 100% - 12,5% vol. - € 10 (0,500 l)
Oro luminoso, ha naso raffinato, pulito, ancora floreale e spiccatamente agrumato. Al gusto è gradevolissimo per equilibrio e per chiari ritorni aromatici con un netto sapore di caramella al mandarino, oltre che per un’apertura finale appena ammandorlata.

82

Puglia Igp - Heglios 2012
Toto - Palo del Colle (BA)
Moscato reale 100% - 14% vol. - € 15
Oro intenso, quasi ambra. Monopolio fruttato al naso. Gusto dolce e pieno, che rilascia sapori di succo di pesca e di albicocca, rivitalizzato da una sponda leggermente ammandorlata. Appassimento in pianta.


86

Salento Moscato Igt - 2011
Valle dell’Asso - Galatina (LE)
Moscato reale 100% - 14,5% vol. - € 12 (0,500 l)
Ambra intenso e luminoso. Olfatto di buona eleganza con aromi di pera candita, fiori secchi, scorzette d’agrumi. Ingresso dolce ben sostenuto dalla freschezza, in un contesto equilibrato e di buona lunghezza. Vendemmia tardiva.


87

Moscato di Trani Dolce Doc - 2009
Villa Schinosa - Trani (BA)
Moscato 100% - 14,5% vol. - € 12 (0,500 l)
Oro chiaro con attraente intensità nei profumi, aromatici e fruttati: susina gocciadoro e marmellata di limoni. Incipit coinvolgente e di carattere, offre una dolcezza ben bilanciata da chiose ammandorlate e di erbe aromatiche. Appassimento in pianta.

Le declinazioni dolci delle altre uve bianche

Murgia, Salento, Puglia sono diventati negli anni essenzialmente dei brand sotto i quali produttori, grandi e piccoli, hanno potuto cimentarsi in libertà con il proprio stile, assecondando le rispettive ispirazioni vitivinicole, dando sfogo al desiderio di sperimentazione delle potenzialità del territorio. Ci sono riusciti non solo attraverso i vitigni bianchi della tradizione, forse a torto considerati di basso profilo, ma anche con invasioni extraregionali di sauvignon, garganega, chardonnay, riesling e sémillon. In questi casi il cosiddetto “manico” del produttore resta il discriminante per raggiungere il picco qualitativo.

88

Salento Igt - Passo de le Viscarde 2010
Agricole Vallone - Lecce
Sauvignon e malvasia bianca - 14% vol. - € 18,50 (0,500 l)
Ambra chiaro. Naso deciso e di una certa austerità: frutta secca, nespole mature, stuoia, vernice. Bocca piena, strutturata, dolce, boisé, di buona sponda acida con golosa e lunga persistenza di noci e cioccolato bianco.


87

Puglia Igp - Dolce Vitae 2011
Amastuola - Massafra (TA)
Malvasia di Candia 100% - 13+6% vol. - € 11 (0,500 l)
Da uve biologiche stramature, appassimento naturale in pianta e sosta in barrique. Oro luminoso, pienezza fruttata, con riconoscimenti di pesca bianca, sciroppo d’ananas, caramella al limone e paglia; grip sapido e di frutta secca a stemperare la dolcezza.


87

Murgia Bianco Passito di Malvasia Igt - Gravisano 2007
Botromagno - Gravina in Puglia (BA)
Malvasia lunga 100% - 15% vol. - € 15 (0,375 l)
Oro carico e lucido. Naso complesso di miele d’acacia, albicocca disidratata, paglia, fichi secchi, radici. Assaggio convincente, pulito, lungo, coerente e gradevole nei ritorni con dolcezza non stucchevole, irrorata da succosa acidità nonostante l’età.

82

Salento Malvasia Dolce Igp - Donna Marzia 2012
Conti Zecca - Leverano (LE)
Malvasia bianca di Lecce 85%, moscato bianco 15% - 12% vol. - € 7
Maturazione per 4 settimane in cassette. Colore chiaro che anticipa una sfiziosa fragranza floreal-fruttata, seguita da un carattere gustativo dolce quanto basta, snello, giovanile e aromatico.


85

Puglia Bianco Igt - Terra Matta 2007
D’Alfonso Del Sordo - San Severo (FG)
Bombino bianco 50%, trebbiano 50% - 13,5% - € 12
Vendemmia tardiva con ulteriore appassimento su stuoia per tre settimane per questo vino che si presenta color dell’oro. Naso di buona intensità di frutta secca, mela renetta, pera decana e bocca equilibrata, tesa, dolce-non dolce.


85

Salento Passito Bianco Igt - Ambra 2011
Duca Carlo Guarini - Scorrano (LE)
Sauvignon 100% - 14% vol. - € 12 (0,500 l)
Oro traslucido. Consistenza e naso di buona eleganza e pulizia con aromi di frutta secca, miele d’acacia, mela cotogna. Assaggio gustoso, dolce e lungo, siglato da un goloso sapore di frutta esotica nel finale.

85

Salento Bianco Passito Igt - Le Briciole 2004
Severino Garofano - Copertino (LE)
Malvasia bianca e chardonnay - 14,5% vol. - € 15 (0,500 l)
Ambra chiaro con strie verdognole. Il fascino dell’età: frutta secca, paglia, meringhe. Bocca piena, dolce, strutturata con un’intrigante nota di mallo di noce a siglare la persistenza. Buona tenuta nel tempo.


82

Murgia Bianco Passito Igp - Collezione Jazzisti 2011
Mazzone - Ruvo di Puglia (BA)
Fiano minutolo e bombino bianco - 14,5% vol. - € 15 (0,500 l)
Collezione limitata a 2.000 bottiglie. Nonostante l’appassimento in pianta e in cassette e la sosta di un anno in caratelli, resta un vino dolce dai sentori freschi, soprattutto di frutta, dal corpo snello e dalla beva grintosa.


83

Salento Bianco Passito Igt - Doride 2009
Melillo - Villa Castelli (BR)
Garganega e chardonnay - 14+6% vol. - € 10 (0,500 l)
Riverberi dorati. Naso nitido e semplice costituito da dense sensazioni di fichi e albicocca, con guizzi floreali più leggeri. Dolcezza misurata con finale di media persistenza e coerente nei ritorni. Appassimento su graticci.

82

Salento Fiano di Puglia Dolce Naturale Igt - Tocy 2010
Pirro Varone - Manduria (TA)
Fiano minutolo 100% - 15+4% vol. - € 18 (0,500 l)
Paglierino chiaro con naso pulito ed essenziale, soprattutto fruttato con aromi di susina e agrumi. Assaggio sullo stesso registro lineare e dolcenon dolce, leggero, appena aromatico e con una rivitalizzante chiosa ammandorlata.



89

Salento Bianco Passito Igt - Le Ricordanze 2009
Cosimo Taurino - Guagnano (LE)
Riesling 50%, sémillon 50% - 14% vol. - € 18 (0,500 l)
Oro chiaro e luminoso. Superato l’approccio etereo si apre ad accattivanti profumi di canditi, litchi, gelso bianco, zenzero. Bocca che non lesina dolcezza ben puntellata da tenace freschezza; anche abbastanza salino nella lunga persistenza.

Le declinazioni dolci dell’aleatico

Ancora pochissimi esperti del settore vino sanno che la Dop Aleatico di Puglia è l’unica denominazione che può fregiarsi del diritto di estendersi all’intero territorio regionale, istituita nel 1973. Una mancanza appena colmata. Il disciplinare prevede un minimo di 85% di aleatico congiuntamente a negroamaro, malvasia nera e primitivo, vitigni che stanno cedendo il posto a favore della purezza aromatica che l’aleatico da solo ha dimostrato di saper esprimere. Così come accaduto negli altri disciplinari che ne prevedono la vinificazione: Dop Salice Salentino e Gioia del Colle, Igp Salento e Puglia.

85

Salice Salentino Aleatico Dolce Naturale Doc - 2006
Candido - San Donaci (BR)
Aleatico 100% - 14+4,5% vol. - € 18 (0,500 l)
Rubino trasparente con incipit granato. Qualcosa di selvatico al naso oltre l’aromaticità, poi rosmarino, tè, giuggiole. Bocca austera seppur dolce con ritorno delle originali percezioni del naso. Ammandorlato. Appassimento in pianta.


84

Salento Aleatico Dolce Igt - Paesano 2008
Cantine Due Palme - Cellino San Marco (BR)
Aleatico 100% - 16% vol. - € 12 (0,500 l)
Appassimento in pianta e poi su graticci; maturazione per 5 anni. Si rinuncia al varietale per lasciar spazio a profumi di frutta secca, datteri e tabacco. Bocca coerente, tenace e speziata.


78

Puglia Aleatico Dolce Igt - Lama di Lupo s.a.
Cantine del Colle - Santeramo in Colle (BR)
Aleatico 100% - 13+4% vol. - € 15 (0,500 l)
Rosso granato trasparente con evidenti intarsi aranciati. Naso timido e rarefatto con percezioni di ruta, china e amarene. Austero al gusto con dolcezza soverchiata da sapori decisamente ammandorlati.

82

Salento Aleatico Passito Igt - “A” 2006
Castel di Salve - Depressa di Tricase (LE)
Aleatico 100% - 11,5% vol. - € 16,50 (0,500 l)
Granato trasparente con orlo aranciato. Naso autunnale e di media intensità con sensazioni di terriccio, uva passa, castagne. Bocca più viva e dolce nonostante i ritorni olfattivi in aggiunta a una lunga scia di tabacco.


85

Aleatico di Puglia Dop - Liatico 2012
Feudi di San Marzano - San Marzano di San Giuseppe (TA)
Aleatico 100% - 13% vol. - € 18 (0,500 l)
Rubino trasparente con tracce purpuree; dispensa profumi fruttati di melagrana, ribes e fi ori rossi. Sorso di buona freschezza e corpo snello, dove la nota dolce è mitigata dalla tendenza ammandorlata.


85

Gioia del Colle Aleatico Doc - 2010
Raffaele Giuliani - Turi (BA)
Aleatico 100% - 13,5+5,5% vol. - € 15 (0,500 l)
Selezione da vigne di quindici anni. Rubino intenso, ha dalla sua un imprinting non solo floreale e fruttato, ma anche tracciato da evidenze di erbe aromatiche. Gusto aromatico e coerente, di buon peso e quota di dolcezza a stemperare la chiosa amara.

83

Puglia Aleatico Igt - Elogio alla Lentezza 2006
I Pastini - Locorotondo (BA)
Aleatico 100% - 12% vol. - € 11 (0,500 l)
Rubino intenso e profondo, riesce a regalare una globale sensazione di freschezza fruttata nonostante gli anni passati in bottiglia: susine e mirtilli cui non manca il cenno di confettura. Bocca solida, dolcezza non eccessiva, di media persistenza.


80

Aleatico di Puglia Dolce Naturale Doc - Amigdala 2007
Le Vigne di Sammarco - Cellino San Marco (BR)
Aleatico 100% - 14+3% vol. - € 8 (0,500 l)
Da vigne ad alberello e grappoli che hanno subito surmaturazione in pianta. Colore aranciato verso il mogano, ha profilo originale di canniccio e frutta secca. Caldo e rispondente al gusto, quasi secco per monopolio ammandorlato.


85

Salento Aleatico Igt - Negrino 2010
Leone de Castris - Salice Salentino (LE)
Aleatico 100% - 9,5+8% vol. - € 11,50 (0,500 l)
Rosso rubino vivace. Ha apertura olfattiva contenuta e pulita con freschi profumi di ciliegia, fresia ed erbe amare. Gustoso al sorso, di medio corpo, resta appena dolce con ricorrenze di ruta e nocciolo di amarena. Breve appassimento in pianta.

86

Puglia Aleatico Dolce Igp - Tikò 2012
Mocavero - Arnesano (LE)
Aleatico 100% - 12,5+6% vol. - € 12 (0,500 l)
Da alberello pugliese. Rosso rubino lucente, rilascia aromi briosi e freschi di fragoline di bosco, ciliegie acerbe e caramelle al lampone. Fragrante e goloso al gusto, conquista per rispondenza di aromi e carattere gioviale. L’eleganza della semplicità.


86

Puglia Aleatico Dolce Igp - 2012
Polvanera - Gioia del Colle (BA)
Aleatico 100% - 13+6% vol. - € 14 (0,500 l)
Dalla lavorazione delle uve del vigneto San Benedetto di Acquaviva delle Fonti arriva un vino rubino trasparente e luminoso, dal naso aromatico, floreale, salmastro e agrumato; bocca dolce, rispondente e succosa, con lieve traccia tannica.


85

Salento Aleatico Igp - Gazza Rubina 2012
Santa Lucia - Corato (BA)
Aleatico 100% - 13+5% vol. - € 12 (0,375 l)
Rubino purpureo e cristallino, profuma intensamente di gelatina di fragoline e ciliegie, senza lesinare soffi di fiori dolci, fresie in particolare.
Assaggio gradevole, specchio del percorso olfattivo. Leggiadro e dolce quel che basta.

83

Salento Rosso Aleatico Passito Igt - 2011
Tenute Al Bano Carrisi - Cellino San Marco (BR)
Aleatico 100% - 14,5% vol. - € 13 (0,500 l)
Rubino già verso il granato. Naso di ciliegia, geranio, nocciola. Bocca identica nelle tinte e nella media intensità con cui si offre. Stenta a rilasciare dolcezza e aromaticità, ma in progressione trova il suo equilibrio.


85

Gioia del Colle Aleatico Dolce Dop - 2012
Tenuta Viglione - Santeramo in Colle (BA)
Aleatico 100% - 13+4% vol. - € 16 (0,500 l)
Rosso rubino intenso, dai profumi rarefatti, freschi, aromatici, quasi vinosi: peonia e caramella alla fragola. Assaggio di un certo spessore, dolce e teso, irrorato da sapori di frutta fresca acidula. Appena ammandorlato.


84

Puglia Aleatico Passito Igp - D’Alesio 2012
Vini Menhir Salento - Minervino di Lecce (LE)
Aleatico 100% - 15% vol. - € 18 (0,500 l)
Da vigneti allevati ad alberello e uve appassite in pianta. Rubino con aromaticità legata a ricordi discreti di viole, arancia sanguinella e salvia.
Coerente al gusto, regala uno spiccato sapore dolce di fragoline di bosco con finale ammandorlato.

Le declinazioni dolci del primitivo

Il nocciolo dolce della produzione pugliese resta comunque il primitivo, tanto da meritare una G. Con la vendemmia 2011 il Primitivo di Manduria Dolce Naturale ha allungato il passo conquistando il meritato spazio nell’olimpo delle denominazioni. Un disciplinare che purtroppo non protegge l’alberello pugliese, vero cardine storico e qualitativo per la produzione vitivinicola dell’agro di Manduria, ma che riflette il compromesso produttivo-quantitativo, ancora linfa delle grandi maison territoriali. I non manduriani vanno di rincorsa, ma va segnalato lo sforzo produttivo che continuano a investire nella tipologia per raggiungere livelli qualitativi sempre più elevati.

85

Primitivo di Manduria Dolce Naturale Docg - Ego Sum 2011
Antiche Terre del Salento - Manduria (TA)
Primitivo 100% - 14,5% vol. - € 30 (0,500 l)
Appassimento in pianta. La pienezza è la generale sensazione, già per il rosso rubino intenso, per la compattezza degli aromi fruttati con guizzi appena speziati. L’abbraccio dolce e morbido non manca di tenacia tannica.


89

Primitivo di Manduria Dolce Naturale Doc - 2010
Attanasio - Manduria (TA)
Primitivo 100% - 15+5% vol. - € 21 (0,750 l)
Natural chic di grande successo, conferma le aspettative. Rubino coeso, olfatto generoso, stratificato, incardinato su classici aromi di susine, visciole, rosmarino e liquirizia. Quota glicerica ben puntellata dall’acidità: un lungo e dolce cammino.


83

Primitivo di Manduria Dolce Naturale Doc - Monte Manco 2010
Cantine Lizzano - Lizzano (TA)
Primitivo 100% - 14+3% vol. - € 22 (0,750 l)
Da alberelli anche di 50 anni di età. Rubino cristallino con naso dai profumi contenuti ma nitidi di susina, ciliegia, salvia. Bocca di medio peso, con dolcezza limitata nell’espressività da una certa quota tannica.


84

Primitivo di Manduria Dolce Naturale Docg - PassuLentu 2011
Cantine Soloperto - Manduria (TA)
Primitivo 100% - 14+3% vol. - € 18 (0,750 l)
Da uve leggermente appassite su ceppi allevati ad alberello. Rubino concentrato e di ottima tessitura aromatica, intreccio di evidenze soprattutto fruttate. Bocca strutturata, sostenuta da una buona spalla acida. Finale gradevole e succoso.


84

Primitivo di Manduria Dolce Naturale Docg - Diva 18 2011
Cantolio Manduria - Manduria (TA)
Primitivo 100% - 14+4% vol. - € 15 (0,500 l)
Uve surmature vendemmiate da ceppi allevati ad alberello. Riflessi ancora purpurei; registro olfattivo classicamente fruttato di ciliegie e susine nere; sorso rispondente e snello, in preda all’equilibrio tra dolcezza e acidità.


85

Primitivo di Manduria Dolce Naturale Doc - Abeterno 2007
Cantolio Manduria - Manduria (TA)
Primitivo 100% - 14+3,5% vol. - € 12 (0,500 l)
Rubino ancora intenso con naso che invita all’assaggio grazie alla sua freschezza fruttato-floreale; gusto dolce, ben bilanciato dalla delicata tannicità, con chiari sapori di marasche e susine che ne tracciano la persistenza


84

Primitivo di Manduria Dolce Naturale Docg - 11 Filari 2011
Feudi di San Marzano - San Marzano di San Giuseppe (TA)
Primitivo 100% - 13,5% vol. - € 15 (0,500 l)
Appassimento su alberelli. Rubino carico con naso dai profumi molto serrati di mirtilli, bacche di ginepro, spezie. Una compattezza espressa anche al gusto, dolce, denso e di vigoria tannica. Barrique per un anno.


92

Primitivo di Manduria Dolce Naturale Docg - Es più sole 2012
Gianfranco Fino - Sava (TA)
Primitivo 100% - 15% vol. - € 38 (0,375 l)
Appassimento dei grappoli su ceppi di alberelli ultracinquantenni. Inarrivabili fittezza al colore, eleganza al naso e concentrazione al gusto; desiderio d’armonia in un vino dolce, resa concreta da un livello di bevibilità entusiasmante.


80

Primitivo di Manduria Dolce Naturale Doc - Platèa 2007
G.M. Vini - Carosino (TA)
Primitivo 100% - 15+7% vol. - € 6 (0,500 l)
Rubino vivido. Al naso un tono balsamico accompagna il consueto corredo fruttato. Di buona struttura si racconta con semplicità, equilibrio e con una nota insistentemente ammandorlata nella lesta chiusura.

86

Primitivo di Manduria Dolce Naturale Doc - La Dolce Vite 2009
L’Antico Palmento - Manduria (TA)
Primitivo 100% - 16+4,5% vol. - € 28 (0,500 l)
Appassimento su ceppi ad alberello. Rubino scuro; naso denso, accattivante e stratificato con percezioni di susina, marasche, fichi al forno, cacao. Ammaliante anche al gusto, goloso, dolce e tannico quel che basta.


82

Primitivo di Manduria Dolce Naturale Doc - Odesseus 2007
Pesare - Sava (TA)
Primitivo 100% - 14+3,5% vol. - € 11 (0,750 l)
Vendemmia tardiva da ceppi di alberello. Si presenta granato limpido e consistente, con olfatto di una certa originalità: note salmastre e pomodorini secchi oltre a prugna e frutta secca. Gusto dolce, caldo, ben bilanciato.


80

Primitivo di Manduria Dolce Naturale Docg - Messapo 2011
Pliniana - Manduria (TA)
Primitivo 100% - 16% vol. - € 5,50 (0,750 l)
Vendemmia tardiva di uve appassite naturalmente su ceppi di alberello. Quasi granato; una certa diluizione al naso di ciliegia, fiori rossi e frutta secca; sorso snello, caldo e scorrevole, con dolcezza contenuta.

84

Primitivo di Manduria Dolce Naturale Doc - 2010
Pirro Varone - Manduria (TA)
Primitivo 100% - 15+4% vol. - € 18 (0,500 l)
Rubino luminoso. Naso aperto e accogliente con note di frutta secca, pasticceria, frutta scura. Durezze in evidenza, con tannicità viva appena smussata dalla naturale componente dolce.


85

Primitivo di Manduria Dolce Naturale Docg - Madrigale 2011
Produttori Vini Manduria - Manduria (TA)
Primitivo 100% - 15,5% vol. - € 15 (0,750 l)
Un simbolo per il territorio, costanza qualitativa negli anni. Rubino deciso, esprime da sempre un corredo olfattivo variegato: fresie, ciliegie, susine, terriccio, cuoio, pepe rosa. Di medio peso, ha gusto solido, dolce e speziato. Un evergreen.


83

Primitivo di Manduria Dolce Naturale Doc - Primo Amore Pervini 2007
Racemi - Manduria (TA)
Primitivo 100% - 15% vol. - € 10 (0,500 l)
Oggi granato, sosta per un anno in botte grande di Slavonia. Olfatto languido, declinato su toni di ciliegia matura, confettura di prugna, carcadè, tabacco. Assaggio dallo stesso leitmotiv di avanzata dolcezza e lunga persistenza alla liquirizia.

87

Primitivo di Manduria Dolce Naturale Docg - “1920” 2011
Vigne Monache - Manduria (TA)
Primitivo 100% - 15+4% vol. - € 20 (0,500 l)
Pochissimi esemplari ottenuti da un vigneto di famiglia del 1920 condotto ad alberello. Affascinante rubino, rassicurante approccio olfattivo di mirtilli, fichi al forno e spezie. Convincente assaggio, con dolcezza non stucchevole ed elegante sigla tannica.


87

Primitivo di Manduria Dolce Naturale Doc - Il Sava 2007
Vinicola Savese - Sava (TA)
Primitivo 100% - 16+3% vol. - € 18
Da alberelli di sessant’anni, un vino con maturazione nei capasoni, le giare di terracotta. Granato luminoso; racconta di legno di rosa, fichi al forno, alloro, prugna e cannicci. Convincente, caldo, dolce e comunque fresco. La non forzata originalità che premia.


82

Gioia del Colle Doc - Mezza Luna 2009
Cannito - Grumo Appula (BA)
Primitivo 100% - 14,5% vol. - € 25 (0,500 l)
Rubino scuro, ricorda frutta nera in confettura, cioccolato, carruba; al gusto, di struttura, l’austerità tannica ruba la scena alla dolcezza. Finale lungo e ricco di ritorni soprattutto speziati.

82

Gioia del Colle Doc - “1922” 2007
Giuliani - Turi (BA)
Primitivo 100% - 16% vol. - € 25 (0,500 l)
Appassimento su alberelli di oltre quarant’anni. Dispensa aromi di prugne in confettura, rabarbaro, spezie. Palato ammiccante per maturità e dolcezza che ha dimenticato il tannino di gioventù.


85

Puglia Primitivo Passito Igt - Egiale 2011
Agricola Guida - Crispiano (TA)
Primitivo 100% - 17+2% vol. - € 46 (0,500 l)
Vino celebrativo per i 150 anni dell’Unità d’Italia, ottenuto da uve appassite su alberelli di oltre sessant’anni d’età. Concentrazione da manuale per colore, olfatto e gusto, tutto su classiche tinte fruttate, e persistenza che si fa ricordare.


81

Puglia Primitivo Igt - Linfarossa 2011
Albea Vini - Alberobello (BA)
Primitivo 100% - 12,5% vol. - € 8 (0,500 l)
Appassimento in vigna. Toni purpurei ad anticipare sensazioni di more in confettura, cacao, mandorle e spezie. La presenza tannica ne smorza la dolcezza, che fa nuovamente capolino nella media persistenza.


84

Puglia Primitivo Dolce Igt - Malicchia Mapicchia 2008
Barsento - Noci (BA)
Primitivo 100% - 14,5+3% vol. - € 20 (0,500 l)
Vendemmia tardiva da ceppi di alberello con appassimento su graticci. Rinomata l’opulenza di questo vino, sigla stilistica che pur rendendolo accattivante sembra tradire la naturale espressività del vitigno d’origine già esuberante di suo.


85

Puglia Primitivo Dolce Igt - Maccone 2009
Angiuli Donato - Adelfi a (BA)
Primitivo 90%, altre varietà 10% - 15+5% vol. - € 12
Rubino intenso e splendente; netta apertura salmastra, profuma poi intensamente di succo di mirtillo e rosmarino. Bell’assaggio, nitido e certamente dolce, con anima fresca a ravvivarlo.


83

Puglia Primitivo Dolce Igp - Tributo 2012
Cantina Lattavino - Casamassima (BA)
Primitivo 100% - 15,5% vol. - € 15 (0,750 l)
Rubino dai tratti violacei. Evoca percezioni di confetture di more e prugne, poi resine e caffè. Piglio caldo e dolce limato da una buona dose di tannicità. Persistenza coerente e lunga.


80

Salento Primitivo Igp - 2012
Cantina Nistri - Faggiano (TA)
Primitivo 100% - 15% - € 20 (0,750 l)
Nonostante la vendemmia tardiva (da alberelli quarantenni), resta un vino di una certa austerità, in cui la dolcezza si fa timida per lasciar posto a sapori speziati e di tabacco.


82

Puglia Primitivo Dolce Igt - Pagliarone 2010
Cantine del Colle - Santeramo in Colle (BA)
Primitivo 100% - 14+4% vol. - € 14 (0,750 l)
Riflessi porporini all’olfatto e naso contenuto nelle percezioni fruttate con spunti vegetali. Silhouette semplice in cui si innestano buona dose di dolcezza e contributo tannico da non sottovalutare.


84

Salento Passito Igp - 2011
Vinicola Imperatore - Adelfi a (BA)
Primitivo 100% - 14,5% vol. - € 12 (0,500 l)
Rubino-granato. Si offre con suggestioni di fiori rossi appassiti, frutta secca, confettura di prugne, cotognata. Ben dolce, fruttata e comunque ammandorlata l’estensione gustativa.

80

Salento Passito Igt - Krikò 2011
Cantine Paolo Leo - San Donaci (BR)
Primitivo 100% - 13,5% vol. - € 20 (0,750 l)
L’uva raccolta da ceppi ad alberello appassisce in fruttaio. Rubino concentrato così come il naso spesso e coeso; bocca sullo stesso registro un po’ contratta per estratti e densità.


81

Tarantino Primitivo Igp - Carmerum 2012
Cardone - Locorotondo (BA)
Primitivo 100% - 14% vol. - € 10 (0,500 l)
Rubino splendente, offre profilo semplice e contenuto di frutta fresca in cui non mancano guizzi ancora verdi. La carnosità fruttata lascia qui spazio alla freschezza boschiva: ribes e muschio i sapori.


83

Salento Primitivo Dolce Naturale Igt - Aladino 2007
Milleuna - Lizzano (TA)
Primitivo 100% - 15,5+2% vol. - € 16 (0,500 l)
Appassimento su ceppi allevati ad alberello quasi centenari. Concentrazione cromatica maestosa, così come per i profumi fruttati e per i sapori al gusto. Anche il tannino resta serrato e lontano dalla pingue dolcezza.

83

Salento Primitivo Dolce Naturale Igt - Genius 2006
Milleuna - Lizzano (TA)
Primitivo 100% - 13,5+9% vol. - € 60 (0,500 l)
Solo uva surmatura, raccolta da alberelli di ottant’anni. Iperconcentrato il colore; naso spesso, ricco, etereo di visciole in confettura, rabarbaro e ciliegie sotto spirito; il gusto è dominio di potenza ed estratti con lungo finale alla liquirizia.

79

Salento Passito Igt - s.a.
Pezzaviva - Torre Santa Susanna (BR)
Primitivo 100% - 16% vol. - € 16,50 (0,500 l)
Rubino con bagliori granato. Al naso spezie scure, prugna matura, tabacco; più rigido al gusto con prepotenza ammandorlata che va a insidiarne l’attesa dolcezza. Più gioviale in persistenza.

84

Tarantino Primitivo Dolce Igp - 2011
Masseria Ludovico - Mottola (TA)
Primitivo 100% - 14+5% vol. - € 8 (0,500 l)
Rubino ancora purpureo rilascia fragranze di frutti di bosco, liquirizia, vaniglia e guizzi chinati; assaggio solido per equilibrio delle parti e di una certa semplicità, con persistenza non lunghissima ma coerente nei ritorni.

81

Salento Primitivo Dolce Igt - Nereo 2011
Melillo - Villa Castelli (BR)
Primitivo 100% - 13,5+4% vol. - € 7 (0,500 l)
Rubino intenso. Incipit di more e liquirizia, amplificato da sentori di ciliegie e prugne sotto spirito. Gusto morbido e mediamente dolce con sapori di caffè e persistenti note ammandorlate.



83

Salento Rosso Dolce Igt - Corimei 2011
Schola Sarmenti di Terrulenta - Nardò (LE)
Primitivo 100% - 17+4% vol. - € 18 (0,500 l)
Da vendemmia tardiva di grappoli da alberelli pugliesi con leggero appassimento. Rubino intenso. Aromi di prugna cotta, carruba e tabacco. Sorso compiuto, equilibrato, pieno, di contenuta dolcezza e buona spina acido-tannica.

Le declinazioni dolci delle altre uve nere

Una piccola nicchia di piacevolezza, oltre a quelle offerte da moscato, primitivo e aleatico, è garantita dalle vinificazioni in dolce di malvasia nera (di Brindisi o di Lecce che dir si voglia). L’areale interessato è quasi esclusivamente quello salentino: tale vitigno rientra infatti in quasi tutti i disciplinari di produzione di zona, suggellando spesso uno storico legame con il negroamaro. Anche se tra Brindisi e Lecce si tenta di mantenere separata, campanilisticamente parlando, l’identità delle due malvasie (classificate come non aromatiche), gli studi più recenti ne stanno confermando i caratteri geneticamente comuni.

84

Salento Negroamaro Passito Igt - Mater Terra 2006
Apollonio - Monteroni di Lecce (LE)
Negroamaro 100% - 15,5% vol. - € 28 (0,750 l)
Quasi granato. Emergono toni boisé, di frutta secca e prugna matura, accanto ad amarena e cioccolato. Calore e dolcezza innervati da un tannino di una certa ruvidezza che allunga nel finale. Appassimento in pianta. Un anno in barrique.


84

Puglia Igp - Botrus 2012
Botrugno - Brindisi (BR)
Malvasia nera 100% - 14% vol. - € 15 (0,500 l)
Da vendemmia tardiva. Rubino nitido con incidenze violacee. Non ci si allontana dal ricco profilo fruttato (anche frutta acerba) con leggeri spunti floreali. È la giovialità del sorso che conquista con dolcezza e fi nezza tannica.


87

Salento Rosso Passito Igt - Tafuri 2007
Cantina Coppola 1489 - Gallipoli (LE)
Primitivo 70%, negroamaro 30% - 14% vol. - € 25 (0,500 l)
Dalla vigna Santo Stefano ad Alezio, arrivano le uve per questo passito ancora giovanile a 6 anni dalla vendemmia. Appeal per luminosità del rubino, carnosità dei profumi fruttati e di erbe aromatiche, sontuosità del gusto, spesso e dolce.

88

Salento Malvasia Dolce Naturale Igp - Pietra Caya 2011
Cantina San Donaci - San Donaci (BR)
Malvasia nera 100% - 14% vol. - € 7 (0,500 l)
Rosso rubino intenso. Quadro olfattivo accattivante, frutta rossa succosa, sprint erbaceo-minerale, guizzi speziati. Sorso coerente, avvolgente e fruttato, irrorato da una scalpitante grinta acida. Occhio al prezzo.


82

Salento Passito Igt - Passione 2009
Cantine De Falco - Novoli (LE)
Malvasia nera 100% - 15% vol. - € 17 (0,500 l)
Raccolta tardiva da vigne ad alberello. Sciroppo di ciliegie, fichi al forno e liquirizia. Altro registro al gusto in cui l’attesa dolcezza lascia spazio alla presenza tannica e alla scia ammandorlata. Almeno 8 mesi in rovere francese.


82

Salento Passito Igt - Il Macàro
Valle dell’Asso - Galatina (LE)
Aleatico e malvasia nera - 15% vol. - € 14 (0,500 l)
Per essere un vino dolce ha profilo impegnativo: gli proviene dal fatto che siamo di fronte ad un blend delle migliori annate. Riflessi granato, evidenza eterea, nocino, frutta secca, oli essenziali; sorso avvolgente e maturo con ottimi ritorni.


84

Salento Rosso Passito Igt - Metiusco Oro 2011
Vinicola Palamà - Cutrofi ano (LE)
Negroamaro 50%, primitivo 50% - 15% vol. - € 9,50 (0,500 l)
Da ceppi allevati ad alberello. Rubino deciso, prepotenza di frutta rossa e nera al naso che anticipa un gusto pieno, strutturato, caldo, fruttato ma sommessamente dolce, in cui il sostegno è offerto dalla buona dose di acidità.


Vitae 01
Vitae 01
Marzo 2014
In questo numero: Come dominare il tempo di Armando Castagno; Il corsaro del Rodano di Roberto Bellini; Osteria, che Verona! di Morello Pecchioli; I profumi dei vini bianchi di Rossella Romani; Vite e vino nell’Alto Medioevo di Massimo Castellani; Aeroplan airport di Alessia Cipolla; Da Carrara di gran carriera di Emanuele Lavizzari; Dolce Puglia di Monica Coluccia; Addii di Valerio M. Visintin; Terra di confine di Maurizio Maestrelli; Un piano Marshall per l’olio da olive di Luigi Caricato;  Tabacco, (in) principio (fu) attivo di Marco Starace; Note di degustazione - Il suono del vino di Fabio Rizzari; Storie di vitae - Il vino che fa bene ai bambini di N. Fiorita e G. Rafele; Pas dosé di Antonello Maietta.