capitolo 2

VIGNETO: NUMERI E AMBIENTE

Barbatelle e impianto

Simone Lavezzaro, Stefano Ferro

Costi dei materiali

Analizzando le singole voci di costo che compongono il vigneto (A), la spesa per i sostegni principali (B), varia molto in funzione dei materiali utilizzati. Nel conteggio totale bisogna però considerare la posa in opera degli stessi, molto più agevole, e quindi meno onerosa per i profilati in metallo (perché meno pesanti), mentre quasi raddoppia per i sostegni in cemento.
La spesa iniziale va poi suddivisa per la durata del sostegno stesso che, per quanto riguarda i profilati di acciaio zincato, acciaio inox, Cor-ten e cemento, possiamo definirla, salvo rotture accidentali, pari o superiore alla vita del vigneto (D), mentre per il ferro nudo è sicuramente inferiore e, per il legno dipende molto dalle caratteristiche della partita utilizzata.
È facilmente comprensibile come, l'eventuale sostituzione dei pali in un vigneto adulto comporti una spesa che va ben oltre il costo vivo del materiale, tale da giustificare l'acquisto al momento dell'impianto di sostegni duraturi, anche spendendo qualcosa in più (E).
Importante è la frazione occupata da fili (C) ed accessori (F), elementi un tempo pressoché trascurabili nei preventivi. Oggigiorno l'impianto moderno non può prescindere da un'orditura di fili fissi, distanziali e tutori (G) che, se da un lato fanno lievitare le spese al momento dell'impianto del vigneto, dall'altro contribuiranno di sicuro ad una più razionale gestione annuale, soprattutto per le operazioni di potatura verde.
Per quanto riguarda il costo delle barbatelle diviene piuttosto difficile fare previsioni a lungo termine, essendo il settore vivaistico da sempre soggetto a rapide variazioni di prezzo. Negli ultimi anni il valore della singola barbatella è variato da meno di 1 €, sino anche al doppio, in funzione non solo del periodo storico ma anche della varietà e della zona viticola. è noto come i prezzi nel Sud del nostro Paese siano di solito più bassi rispetto al Nord Italia e cultivar come il Glera, in gran voga in questo momento richiedano investimenti maggiori. Per questo motivo è bene fissare costi precisi al momento dell'ordine, mettendosi al riparo dalle fluttuazioni del mercato (H).

(B) - Tabella costo materiali - Pali (u.d.m. per i costi: metro lineare)


(C) - Tabella costo materiali - fili (u.d.m. per i costi: Kg)

(D) - I pali di acciaio e cemento non solo offrono una durata pari alla vita del vigneto, ma si può prospettare il loro riutilizzo anche in futuri impianti, mentre per i pali di legno la persistenza è molto variabile. Tale fatto è da prendere in considerazione nella valutazione dei costi (Demetra).


(E) - La ripalatura eseguita a pochi anni dall'impianto comporta costi elevati e soprattutto non preventivati al momento della costituzione del nuovo vigneto.

(F) - Tabella costi materiali - accessori

(G) - Tra gli elementi considerati "accessori", il costo maggiore è rappresentato dai tutori da applicare alla singola vite. Essi però risultano di estrema importanza per la verticalità del ceppo. Asportare il tutore dopo pochi anni, è sconsigliabile nei terreni in pendenza.


(H) - La tendenza attuale è di usare diversi fili, anche 6-7 per ogni controspalliera, allo scopo di imbrigliare la vegetazione e ridurre i tempi necessari per il successivo palizzamento in verde (Profil Alsace - Arcelor Mittal - Crapal).

Vigna nuova
Vigna nuova
A cura del coordinamento scientifico Vit.En
Quarto volume della collana BACCO DIDATTICO, riedizione aggiornata dei volumi editi da Vit,EN. MATERIALI E TECNICHE PER L'IMPIANTO DEL VIGNETO del 1994 e VIGNA NUOVA del 2003. In questo volume si affrontano in maniera approfondita e con l'ausilio di molte foto, schemi e tabelle, tutti gli argomenti inerenti l'impianto di un nuovo vigneto. Si parte dalla storia delle tecniche e dei materiali, si prosegue con la preparazione del terreno, la scelta delle barbatelle dei sesti d'impianto e della forma d'allevamento(con particolare attenzione a tematiche attualissime come i vitigni resistenti), le varie tipologie di sostegni fili e accessori (comparati per costi, pregi e difetti). L'opera si conclude con accenni alle prime cure del vigneto e agli interventi straordinari. Hanno partecipato alla realizzazione di questo libro: Lucio Brancadoro - Dipartimento Scienze Agrarie e Ambientali dell'Università di Milano; Daniela Bussi - Vit.En. Calosso (AT); Claudio Corradi - Civa Correggio (RE); Alba Cotroneo - Settore Fitosanitario Regione Piemonte; Stefano Ferro - VitEn Calosso (AT); Gabriele Gallesio - Tecnico viticolo; Cesare Intrieri - Dipartimento Scienze Agrarie Università di Bologna; Simone Lavezzaro - VitEn Calosso (AT); Luca Lazzeri - CREA CIN Bologna; Franco Mannini - Istituto Protezione Sostenibile delle Piante CNR Grugliasco (TO); Albino Morando - VitEn Calosso (AT); Davide Morando - VitEn Calosso (AT); Maresa Novara - Tecnico viticolo; Enrico Peterlunger - Dipartimento Scienze Agroalimentari Università di Udine; Martino Pedrini - Clemens; Chiara Roggia - Enocontrol Alba (CN); Anna Schneider - Istituto Protezione Sostenibile delle Piante CNR - Grugliasco (TO).